martin-mystere's avatar

GAL 45 - Nel segno della Zeta parte 2 - p8

0 Favourites
0 Comments
176 Views
GET A LIFE!
EPISODIO 45: NEL SEGNO DELLA ZETA (2)


PRECEDENTE << PAGINA 8 > SUCCESSIVA

Arte di Tyrell Deaver :iconleaveit2deaver:

Storia e lettering di Franco Villa :iconm3gr1ml0ck:

Supervisione di Cristian Di Biase e Luca Salvadei


NOTE

Ed ecco che la vicenda ci conduce a un personaggio storico di origini irlandesi, William Lamport, la cui avventurosa vita lo ha portato a entrare in una banda di pirati, nonchè a rifugiarsi in Spagna, dove ispanicizzò il proprio nome in Guillén Lombardo (quasi fosse un antenato della famiglia Lombard).
Come narra la sua vicenda, questo seduttore di numerose donne e abile spadaccino, alla corte di Spagna divenne capitano d'esercito, e si distinse in guerra contro gli Svedesi e i Francesi.

Sostenitore segreto della ribellione irlandese, fu poi inviato in Messico a spiare il vicerè locale, sospettato di simpatie per la ribellione del Portogallo.
A Città del Messico, dove il governo spagnolo vacillava, gli Inquisitori e i funzionari corrotti spadroneggiavano a loro piacimento.
William Lamport condusse lì una doppia vita: fidanzato a una ricca ereditiera, frequentava i circoli più esclusivi, ma nello stesso tempo raccoglieva prove contro il vicerè.

Successivamente, Lamport complottò per spodestare il vicerè, e fu arrestato dall'Inquisizione con l'accusa di aver tentato di affrancare Indiani e schiavi neri, oltre che aver frequentato stregoni indiani e praticato l'astrologia. Fu anche accusato di ambire alla corona di re del Messico.

Nel 1872, un tale Vicente Riva Palacio (ex militare, ma anche Massone) romanzò la vita di William Lamport, nel romanzo Memorias de un Impostor, descrivendone la doppia vita e i complotti notturni per la ribellione contro Spagna e Inquisizione.
Rivoluzionario in cerca di libertà, ma anche romantico in cerca di vero amore, il William Lamport di questa novella si salva dalla dannazione scoprendo il principio della vita, la scintilla divina in ognuno di noi, che per la Massoneria è rappresentata dalla lettera semitica 'Z'.

Era nato il prototipo di Zorro, che nel 1919 sarebbe stato rielaborato da un altro Massone, Johnston McCulley, e trasformato in Diego de la Vega, alias lo Zorro divenuto poi famoso.

"Vega" indica la prateria, in inglese "Plain", come sarà chiaro a pagina 10.
 
William equivale all'italiano Guglielmo: ecco quindi un collegamento con Guglielmo II di Sicilia, che fu quindi il prototipo di Davenport, oltre che di Zorro. 
IMAGE DETAILS
Image size
960x1344px 546.86 KB
Published:
© 2016 - 2020 martin-mystere
Comments0
anonymous's avatar
Join the community to add your comment. Already a deviant? Log In